Cancro al seno, rischio chiusura per il Centro Amazzone di Palermo

Cancro al seno, rischio chiusura per il Centro Amazzone di Palermo

Cancro al seno, rischio chiusura per il Centro Amazzone di Palermo

 

L’Associazione Arlenika Onlus chiude, infatti, la sede storica del Centro Amazzone di Corso Alberto Amedeo.

Il vice sindaco di Palermo, Emilio Arcuri incontrerà le socie ed operatrici dell’Associazione Arlenika che curano il Progetto Amazzone in vista della paventata chiusura dell’omonimo Centro, operativo dal 1996 sul tema della prevenzione e cura del tumore al seno.

Cancro al seno, rischio chiusura per il Centro Amazzone di Palermo

«Con la chiusura della sede attuale, in attesa di soluzioni alternative, viene interrotto un servizio innovativo nell’ambito della cultura della malattia legata all’esperienza umana del cancro al seno che ha dato risposte a migliaia di donne sia in programmi di prevenzione globale, che di sostegno alle pazienti – spiegano le responsabili – Dal 1996, anno di nascita del Progetto Amazzone e dal 1999, anno di apertura del Centro Amazzone, è in costante realizzazione un processo di cambiamento intorno all’esperienza sociale ed individuale della malattia che ha influenzato e modificato l’approccio al cancro. Tale cambiamento è avvenuto con riconoscimenti nazionali ed internazionali».

Cancro al seno, rischio chiusura per il Centro Amazzone di Palermo

 

L’Associazione si appella alla Città «affinché un tale patrimonio culturale non venga disperso».

Articolo scritto da Redazione PinkItalia

pinkitaliafooter

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di PINKITALIA  sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. Ulteriori permessi possono essere richiesti contattando  redazionepinkitalia@gmail.com

Pinkitalia.it
Trattamento dati: Paola Guerci.
La firma degli articoli non dà diritto ad alcuna remunerazione, né vincola a qualsiasi rapporto di prestazione giornalistica che non sia espressamente regolamentato da apposito contratto.
I materiali inviati non verranno restituiti.
Alcune delle immagini riprodotte o rielaborate per la pubblicazione sono reperite da internet o comunque da fonte liberamente accessibile e sono considerate di pubblico dominio (l. 41/633 art. 90) salvo diversa indicazione espressa. Qualora la loro presenza su questo sito violasse eventuali diritti d’autore, gli interessati o gli aventi diritto possono comunicare le loro osservazioni in merito alla pubblicazione delle immagini scrivendo a redazione@pinkitalia.it, che valuterà le richieste e l’opportunità di rimuovere le immagini pubblicate nel pieno rispetto delle normative vigenti.
La redazione si riserva la facoltà di modificare, secondo le esigenze e senza alterarne la sostanza, gli scritti a sua disposizione. Le opinioni espresse nei commenti non implicano alcuna responsabilità da parte di Pinkitalia.it

Privacy Policy

Web Developer Fabio Folgori